L’uomo che amava il cinema. Piero Tortolina, cinéphile - PROIEZIONI ALL’MPX


Programmazione: 
Giovedì 18 Novembre
L’uomo che amava il cinema. Piero Tortolina, cinéphile - PROIEZIONI ALL’MPX

L'associazione Euganea Movie Movement, con il contributo di Regione del Veneto, Comune di Padova – Assessorato alla Cultura, RAM e dintorni, e in collaborazione con Università degli Studi di Padova, Cineteca di Bologna, Turismo Padova Terme Euganeee, Jole Film, MPX-Multisala Pio X organizza una rassegna dedicata a PIERO TORTOLINA, straordinario animatore culturale e cinéphile padovano scomparso nel 2007.

 

 

 

Tutti i film sono il lingua originale con sottotitoli in italiano - Biglietto d'ingresso alle proiezioni al Cinema MPX: € 4.50

Info: www.euganeafilmfestival.it - www.padovanet.it/padovacultura - Marco Trevisan 347 2935535


ULTIMO APPUNTAMENTO IN PROGRAMMA:


Giovedì 18 novembre

CINEMA MPX

ore 21.00
LA FUGA (Dark Passage, Usa 1947, 106 min.) - 
Regia di Delmer Daves con Humphrey Bogart e Lauren Bacall
Condannato per l’omicidio della moglie, Vincent Parry (Bogart) evade dal carcere e trova l’aiuto di Irene Jansen (Bacall). Dopo essersi sottoposto ad una plastica facciale parte alla ricerca dei veri assassini. Un noir originale e anomalo, in cui la tensione è tutta concentrata sulla caccia all’uomo, vissuta dal punto di vista di Parry con un impiego rimasto celebre della ripresa in soggettiva.


 

Piero Tortolina nasce a Canicattì nel 1927, ma poi la sua vita è tutta padovana. La sua passione è il cinema ma si laurea in ingegneria e per tutta la vita insegnerà all'Istituto Tecnico Marconi. All'inizio degli anni settanta fa parte del CUC (Centro Universitario di Cinematografia) e contribuisce alla nascita di Cinema1, uno straordinario cineclub che proietta due film al giorno e tutti i giorni.
Nel '77 termina la sua collaborazione con il CUC e decide di cambiare strada: inizia a raccogliere pellicole e nasce così una delle più importanti cineteche italiane. Comincia a comprare negli Stati Uniti film in lingua originale, che si vedono poi un po’ in tutta Italia: nei cineclub, nelle retrospettive, ovunque si proietti un certo cinema. Verso la fine degli anni novanta Tortolina decide di vendere la sua collezione e a comprarla è la Cineteca di Bologna.

Tortolina ha fatto da progenitore a tanti grandi critici di oggi, ma soprattutto è stato quel qualcuno che ha reso possibile vedere concretamente quei film di cui si parlava nelle riviste francesi, inglesi e americane. Non solo un animatore culturale, quindi, ma anche un punto di riferimento, un nume tutelare conosciuto e riconosciuto dagli addetti ai lavori, ma sconosciuto ai più, perché così ha sempre scelto di essere e fare.” Tatti Sanguineti (critico e autore televisivo)

Piero era come i personaggi di Ford, senza fronzoli, netto, Straight. Eroico è la parola giusta. Come definire altrimenti un cinephile che, in totale isolamento, senza una società, senza alcun aiuto pubblico, si mette a comperare centinaia di film in Italia e nel mondo. Penso che, onestamente, possiamo ammettere che tutti i cineclub italiani tra la fine dei Settanta e i primi Novanta, abbiano avuto in Piero un programmatore occulto, che ci viziava con i suoi ritrovamenti.” Gian Luca Farinelli (direttore della Cineteca di Bologna)

Orario degli spettacoli
Giovedì: 
21.00

Facebook Logo

Associazione Cattolica Esercenti Cinema

Federazione Italiana dei Cinema d'Essai