rassegna INTERRELIGIOUS: le proiezioni cinematografiche all’MPX!


Programmazione: 
Lunedì 29 Gennaio - Mercoledì 28 Febbraio
rassegna INTERRELIGIOUS: le proiezioni cinematografiche all’MPX!


Centro Servizi per il Volontariato della Provincia di Padova
scuola del legame sociale
e centro universitario di Padova
presentano
INTERRELIGIOUS 2018
Gli "ultimi" nelle diverse religioni. Povertà o Possibilità?
per contribuire alla promozione del dialogo interreligioso nella città di Padova
con proiezioni cinematografiche, tavole rotonde ed eventi


Sei appuntamenti all'MPX:


Lunedì 29 Gennaio - ore 21 - serata inaugurale anterpima della rassegna
BEHEMOT
(Beixi moshuo, Cina/Francia 2015, 95’) di Zhao Liang
In Cina negli ultimi anni è stata costruita almeno una dozzina di città fantasma, megalopoli fatte di grattacieli in cui nessuno abita. Per arrivare a questo assurdo processo di urbanizzazione bisogna partire dall’inizio: ovvero il durissimo lavoro di estrazione del ferro nelle miniere della Mongolia, lavoro fatto da persone di cui nessuno sa nulla.
Presenta dott. Yang Fu, ricercatore cinese, esperto di cinema
In collaborazione con Trento Film Festival 365


Giovedì 1 Febbraio - ore 21
BECOMING WHO I WAS
(Corea del Sud 2016, 96’) di Chang-yong Moon, Jin Jeon
Il giovanissimo Angdu viene riconosciuto come Rinpche, la reincarnazione di un monaco tibetano vissuto secoli prima. Il maestro del suo villaggio decide allora di prenderlo sotto la sua protezione e di accompagnarlo lungo il percorso che lo può portare alla saggezza. Il primo problema sarà quello di riuscire a spostarsi dal suo villaggio nel Ladakh, nel nord dell’India, a un monastero tibetano dove potrà incontrare nuove guide spirituali. Non saranno le uniche prove che il piccolo Angdu dovrà affrontare...
Presenta Massimo Tommasi, referente dialogo interreligioso Centro Tara Cittamani di Padova
In collaborazione con Trento Film Festival 365


Mercoledì 7 Febbraio - ore 21
CONDOTTA
(Cuba 2014, 104’) di Ernesto Daranas Serrano
Carmela è un’anziana insegnante di scuola che intende la sua professione come una vera e propria vocazione e che considera tutti i suoi studenti come propri figli. Tra questi, c’è l’11enne Chala, un ragazzino impertinente e incurante delle regole, costretto a crescere in fretta per prendersi cura di sua madre Sonia, tossicodipendente e alcolizzata. Quando i servizi sociali decidono di intervenire sul caso di Chala, Carmela cercherà di sensibilizzare i propri colleghi ...
Presenta Marco Mascia, direttore Centro diritti umani, Università di Padova


Mercoledì 14 Febbraio - ore 21
WATER - IL CORAGGIO DI AMARE
(India/ Canada 2005, 110’) di Deepa Mehta
Una piccola vedova di appena 8 anni viene portata dal padre in un ashram di Varanasi perché vi passi il resto dei suoi giorni, come usa tra gli induisti più osservanti, insieme ad altre 14 vedove di ogni età. Siamo nel 1938, L’India è ancora sotto gli inglesi, e in molte zone del paese si danno in moglie bambine e adolescenti a uomini più anziani. Restare vedove anche in giovanissima età non è dunque così insolito. Ma come scopre ben presto la piccola Chuyia, dietro le apparenze dell’espiazione (le vedove erano ritenute responsabili della morte del marito per il loro cattivo karma), l’ashram nasconde inganni e sopraffazioni.
Presenta dott.ssa Gaia Zanini, studiosa d’Induismo e di storia delle religioni


Giovedì 22 Febbraio - ore 21
LES SAUTEURS
(Danimarca 2016, 80’) di Moritz Sieber, Estephan Wagner, (co-regia) Abou Bakar Sidibé
Nel nord del Marocco esiste l’enclave spagnola di Melilla: un pezzetto di Europa in Africa. Dalla montagna sovrastante, un migliaio di migranti africani pieni di speranza guardano la recinzione che separa il territorio marocchino da quello spagnolo. Il maliano Abou è uno di loro e per oltre un anno ha incessantemente cercato di saltare la recinzione di filo spinato, evitando gli idranti e le brutali autorità locali. Abou è l’autore delle riprese che raccontano la storia di chi lotta per conquistarsi dignità umana e libertà in una delle frontiere più militarizzate al mondo. Questo è un film sul coraggio di un filmaker, armato solo di speranza e desiderio per un futuro migliore.
Presenta Enzo Pace, professore di Sociologia delle religioni, Università di Padova
Con la partecipazione del Console onorario del Mali e con il collegamento via skype con il co-regista Abou Bakar


Mercoledì 28 Febbraio - ore 21
MABUL
(Diluvio, Israele 2011, 100’) di Guy Nattiv
A tredici anni, la vita di Yoni non è per niente facile. E’ un adolescente sveglio, ma ancora poco sviluppato e vive con terrore l’avvicinarsi del suo bar mitzvah, al punto che le prova tutte per cercare di crescere prima possibile e soprattutto di cambiare voce, visto che la sua è ancora da bambino. I suoi compagni di classe, ben più sviluppati e alti di lui, non perdono occasione per prenderlo in giro, e come se non bastasse anche in famiglia le cose non vanno bene, visto che tra i genitori di Yoni non c’è dialogo. A complicare le cose, ci si mette anche il ritorno del fratello di Yoni, un ragazzo autistico, che per anni era rimasto chiuso in un collegio he sta per chiudere i battenti.
Presenta Tobia Ravà, artista multimediale



Biglietto singola proiezione: 5 Euro

Proiezioni in lingua originale con sottotitoli in italiano
 



ALTRI EVENTI DELLA RASSEGNA (ad ingresso gratuito):

presso il centro universitario

(via Zabarella 82)
tavole di dialogo interreligioso
28/01 | ore 15.30 | PRESENTAZIONE DEL CALENDARIO INTERRELIGIOSO
04/02 | ore 15.30 | BUDDHISMO, TAOISMO E CONFUCIANESIMO
11/02 | ore 15.30 | CRISTIANESIMO
18/02 | ore 15.30 | INDUISMO
25/02 | ore 15.30 | ISLAM
04/03 | ore 15.30 | EBRAISMO
10/03 | ore 15.30 | BAHA’I
 

presso la Chiesa di S. Caterina d’Alessandria
(via C. Battisti 245)
10/02 | ore 17.00 | concerto “voci e suoni dal mondo”
 

presso il Teatro Barbarigo di Padova
(entrata e parcheggio via del Seminario 7)
17/02 | ore 20.30 | serata evento di musica, cinema e danza indiana
 

per approfondimenti si veda il volantino allegato a fondo pagina
 


Informazioni
centro universitario
Via Zabarella 82 - 35121 Padova
tel. 049 8764688
info [chiocciola] centrouniversitariopd [dot] it



INTERRELIGIOUS 2018
La V edizione di Interreligious è dedicata al tema Gli Ultimi nelle Religioni. Povertà o Possibilità? La manifestazione è ricca di molti appuntamenti di cinema, arte e tavole rotonde con studiosi e testimoni da varie parti del mondo; essa vuole essere uno strumento di conoscenza e di confronto tra le diverse religioni presenti sul territorio, per favorire una reale sensibilità su temi d’interesse comuni all’uomo: dalla vita alla sua cura, alla pace e al dialogo, preziosi patrimoni da condividere in ogni tempo. Nelle religioni quale posto è riservato agli ultimi? Oggi come ieri esistono situazioni di estrema sofferenza nel mondo, di disparità e sfruttamento che portano alla marginalità dei deboli. Se chi vive in una situazione di svantaggio o fragilità è considerato ‘ultimo’ nella compagine sociale, quale considerazione trova nella sfera del religioso? Attorno a queste importanti domande si svolgerà il dialogo interreligioso che oggi è divenuto, più che in altri tempi e in altri contesti sociali, una necessità culturale e uno strumento di crescita umana. La povertà, la miseria, la mancanza di dignità, l’ingiustizia sociale ed economica, la malattia che emargina sono situazioni che interpellano tutti e porvi attenzione insieme, attraverso la dimensione del sacro, può aiutare a creare legami profondi forieri di un mondo di pace.

Ideazione e cura
Beatrice Rizzato

iniziativa realizzata in collaborazione con
MPX - Multisala Pio X
Trento Film Festival 365


con il contributo di
Comune di Padova

con il patrocinio di
Università degli Studi di Padova - Centro di Ateneo per i Diritti Umani
Religions for Peace - sezione italiana


 

AllegatoDimensione
interreligious_2018.pdf1.39 MB

 

Facebook Logo


Associazione Cattolica Esercenti Cinema
Federazione Italiana dei Cinema d'Essai
Il giornale dello spettacolo